Erbazzone reggiano

erbazzone
Ingredienti (per 6 persone):

Per 6 persone

  • 1 cipolla bionda
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 kg di bietole
  • 80 g di pancetta
  • 400 g di spinaci
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 80 g di parmigiano grattugiato
  • 500 g di farina
  • olio extravergine d’oliva
  • 30 g di burro
  • 1 bicchiere di acqua minerale frizzante
  • sale e pepe

Preparazione:
Versate la farina a fontana sul piano di lavoro. Inumiditela con l’acqua minerale frizzante, 6 cucchiai di olio, il burro ben morbido e un cucchiaino di sale. Lavoratela 10 minuti con le mani fino a ottenere un impasto liscio e omogeneo. Coprire l’impasto con un telo pulito o con della pellicola da cucina e lasciatelo riposare un’ora nella parte meno fredda del frigorifero.
Mondate e tritate il prezzemolo. Sbucciate l’aglio e la cipolla e tritali.
Mondate le bietole e gli spinaci. Lavateli bene in abbondante acqua più volte per eliminare la terra. Poi tagliateli a listarelle sottili.
Tritate grossolanamente la pancetta.
Scaldate 2 cucchiai di olio, aggiungete la pancetta e rosolatela per 5 minuti.
Unite cipolla e aglio, il prezzemolo, le bietole e gli spinaci. Mescolate, mettete il coperchio e cuocete per 10 minuti. Regolate di sale e pepe e unite il parmigiano grattugiato.
Togliete il coperchio e cuocete ancora per 5 minuti a fuoco vivace.
Dividi il panetto di pasta a metà e tirale entrambe in due dischi molto sottili, uno leggermente più largo dell’altro. Appoggiare la parte più grande su una teglia ricoperta con carta da forno. Distribuisci sopra le verdure stufate e copri con il disco di pasta più piccolo. Nel frattempo preriscaltate il forno a 180°C. Sigillate bene i bordi con le dita. Punzecchiate la superficie, al centro, con i rebbi di una forchetta.
Cuocete in forno per 40 minuti e servite l’erbazzone tiepido, tagliato a fette.

2 thoughts on “Erbazzone reggiano

  • 17 novembre 2010 at 17:05
    Permalink

    Ma quale grana Padanooooooooo ???
    Correggere immediatamente con PARMIGIANO REGGIANO !!!
    Un Emiliano ed in particolare un Reggiano non usa neanche in punto di morte il Grana Padano sappiatelo.

    Roba da matti !

  • 17 novembre 2010 at 17:56
    Permalink

    Salve Franco,
    grazie per il suggerimento, ho prontamente corretto la ricetta; purtroppo non essendo né reggiani e neppure emiliani, la ricette è stata pubblicata così come ce l’hanno inviata. Mi auguro che il resto vada bene, altrimenti attendiamo con piacere altri aiuti

Rispondi